Ho sempre saputo di dover emigrare, ed ho sempre cercato un luogo.
Ho viaggiato molto in tutto il mondo e conosciuto tante persone.
E’ con mio marito, Giancarlo che  siamo giunti la prima volta a Furteventura e precisamente in una spiaggia della località El Cotillo dove si svolgono molte performance tra cui “La voce del cuore”.
Fu proprio in questo luogo, mentre le piante dei piedi del mio corpo fisico, la mia astronave, accarezzavano una sabbia più morbida e dolce del velluto, tiepida, il mio cuore si è spalancato all’Amore e dentro me ho sentito “il tuo Spirito dice BENTORNATA A CASA”.
Questo fu parte integrante del fluire energetico.
In Canarie ed in particolare in alcuni punti il collegamento al flusso creativo e fortissimo.
E’ qui in Canarie che ho percepito che la creatività è una pratica spirituale e che il mio modo di pregare e ringraziare il Creatore è facendo arte.
Che la creatività è il sangue del nostro corpo spirituale.
La creatività è Energia Divina che fluisce attraverso di noi e a cui noi diamo forma, come la luce che fluisce attraverso un prisma di cristallo.
Ed è così, che in poco meno di 2 anni dal quel primo “bentornata a casa” ho ricevuto un vero e proprio invito dalle Canarie. Mentre gli altri luoghi che negli anni avevo immaginato, considerato, dove avevo fatto sforzi per cercare lavoro e altro mi mangiavano energie,
le Canarie mi hanno aperto le loro porte e mi hanno chiamato con Amore e forza.
 
Perché ho scelto di vivere in Canarie?
Sto qui perché l’arte mi ha portato fino a qui.
E siccome sono obbediente, eccomi!
Vivere creativamente è il ringraziamento che ognuno di noi può donare al Creatore.
Poi, dopo quel primo bentornata a casa ho studiato e letto molto sulle Canarie,
qui il cielo è protetto vi è la Legge del cielo che protegge la biosfera delle Canarie, nessuna scia chimica.
La terra Canaria non ha conosciuto guerre. Non vi sono praticamente industrie.
Come le Hawaii e San Diego, le Canarie sono sul Tropico del Cancro e la temperatura è primaverile per tutti i mesi dell’anno.
Vi è una bassa umidità e le nostre ossa ne beneficiano molto. Sono uno dei luoghi su Gaia con più ore di luce.
E così come le Hawaii potrebbero essere parte dell’antica Lemuria, le Canarie potrebbero essere parte dell’antica Atlantide. Poco si sa dell’antica popolazione delle Canarie e molti misteri avvolgono questo popolo.
 
Perché soggiorni terapeutici in Canarie?
Parlando come terapeuta, già Ippocrate toglieva i pazienti dalla loro vita quotidiana e li curava in un luogo differente. Perché? Perché spesso è l’ambiente ad essere malato, non la persona. In genere le radici della malattia crescono nelle situazioni in cui viviamo, hanno a che fare con luoghi, persone, lavoro, aspetti della nostra vita quotidiana o perchè non usiamo i nostri talenti o riconosciamo chi siamo,  spostandoci di luogo ci distacchiamo spesso dalle cause che ci hanno fatto ammalare.
Così, venire a fare Arteterapia in un luogo magico pulito e completamente differente dal luogo in cui vivete, vi da la possibilità di recepire ed introiettare in una settimana ciò che nei vostri luoghi abituali diverrebbe parte di voi in molto molto tempo.